Ricordate i protagonisti di C’è Posta Per Te passati alla storia per “Mi vuoi? Ti sblocco. Se tu mi blocchi, io ti blocco”? Ecco cosa fanno oggi…

Ricordate i protagonisti di C’è Posta Per Te passati alla storia per “Mi vuoi? Ti sblocco. Se tu mi blocchi, io ti blocco”? Ecco cosa fanno oggi…

vincenzo liriti c'é posta per te

 

 

 

 

 

C’è Posta Per Te ogni anno si conferma una delle trasmissioni più seguite, delle precedenti edizioni una storia è rimasta impressa nella mente di molti italiani, una frase in particolare è divenuta virale sul web. Stiamo parlando di Vincenzo Iiriti di Bova Marina, un ragazzo molto simpatico che ha partecipato al programma di Maria De Filippi nel marzo del 2017. Si rivolse alla redazione di C’è Posta per Te per chiedere perdono ad una ragazza. Si trattava di un vero e proprio triangolo amoroso, infatti, era fidanzato contemporaneamente con due ragazze, una di queste Stefania con la quale voleva chiarire. Stefania scoprì di non essere la fidanzata ufficiale di Vincenzo, nel momento in cui una sua amica le fece gli auguri, poiché aveva saputo che Vincenzo si sposava ed ovviamente credeva che fosse lei la sposa. In realtà non era così, lui era fidanzato da ben 14 anni con un’altra ragazza. Vincenzo convola a nozze ma dopo 14 giorni se ne pente, a questo punto chiede il divorzio e l’annullamento alla Sacra Rita, visto che vuole riappacificarsi con Stefania,l la quale decide di perdonarlo e di aprire la busta. Vincenzo fu il protagonista di un simpatico siparietto, in particolar modo per la frase che ripeteva, diventata una “challenge” :

“Stefania non mi vuoi?! Ti blocco (su WhatsApp). Mi vuoi?! Ti sblocco. Se tu mi blocchi, io ti blocco…”

Oggi lui è il nuovo direttore generale della Reggina Calcio, per volere del presidente Luca Gallo. Da giorno 11 gennaio 2019, è entrato a far parte a pieno titolo nell’organigramma della società. Lo avreste mai creduto? Della sua storia con lei invece non si è venuto a sapere nulla. Si saranno lasciati definitivamente?

Leggi anche...

Lascia una risposta