La dama del trono over si precipita a difendere la stilista Elisabetta Franchi sotto l’occhio del ciclone per le recenti dichiarazioni

La dama del trono over si precipita a difendere la stilista Elisabetta Franchi sotto l’occhio del ciclone per le recenti dichiarazioni

La dama del trono over si precipita a difendere la stilista Elisabetta Franchi sotto l’occhio del ciclone per le recenti dichiarazioni

In questi giorni abbiamo assistito alla bufera mediatica scaturita dalle dichiarazioni della stilista Elisabetta Franchi (trovate il nostro articolo di approfondimento QUI: Le dichiarazioni di Elisabetta Franchi sulla donna e il lavoro sconvolgono il web ).

Come sapete, l’imprenditrice ha ammesso di assumere, in incarichi importanti della sua azienda, solo donne che hanno già vissuto l’esperienza di essere madre e/o moglie.

Solo con questi presupposti avrebbero la possibilità di dedicarsi a tempo pieno al lavoro.

Di conseguenza lei preferirebbe assumere donne che abbiano superato gli “anta”.

Dopo gli “anta” generalmente in molte hanno figli più grandicelli o sono meno concentrate sul proprio matrimonio.

Queste sono le assai opinabili valutazioni della Franchi che affrescano una realtà alquanto squallida per il mondo del lavoro femminile.

A difendere l’imprenditrice ci pensa però la sorella Catia, quest’ultima lavora nell’azienda di Elisabetta, e noi la conosciamo perché da alcuni mesi è seduta fra le dame del Trono Over a Uomini e Donne.

Poteva esprimere un pensiero differente?

Ecco cosa ha dichiarato Catia Franchi al Corriere della Sera:

Elisabetta è stata fraintesa, non intendeva dire quello che tutti hanno invece pensato e adesso viene massacrata.

Sono tutti bravi a parlare e criticare, ma in questo tipo di situazioni lavorative lo Stato non ti aiuta in niente.

Mia sorella è sempre stata dedita al lavoro, fin dall’inizio ha fatto solo sacrifici e ancora adesso non ha orari.

Fra l’altro abbiamo tantissime ragazze giovani che lavorano con noi in azienda, alcune hanno avuto figli e poi sono tornate a lavorare, quindi qual è il problema?”

La testimonianza della sorella di Elisabetta è sicuramente importante ma non esaustiva, la stilista nel suo discorso aveva specificato che si trattava di incarichi importanti e non era dunque riferito a tutte le sue collaboratrici in toto.

Inoltre la blogger Selvaggia Lucarelli ci ha fatto sapere che la stilista avrebbe fatto un’eclatante eccezione (e non solo), mettendo ai vertici dell’azienda sua nipote di appena 27 anni.

Quindi le donne di famiglia sono escluse dalla regola “anta”?

by Emmaforever

Seguiteci su Telegram cliccando qui

Seguiteci su Twitter cliccando qui

Leggi anche...

Lascia un commento