‘Amici’ Shock! Sergio Sylvestre, criticato ferocemente per avere dimenticato le parole dell’inno di Mameli durante la Finale della Coppa Italia, addirittura anche da un politico molto in vista, viene difeso da noti personaggi dello spettacolo!

‘Amici’ Shock! Sergio Sylvestre, criticato ferocemente per avere dimenticato le parole dell’inno di Mameli durante la Finale della Coppa Italia, addirittura anche da un politico molto in vista, viene difeso da noti personaggi dello spettacolo!

Sergio Sylvestre

L’esibizione di Sergio Sylvestre alla finale di Coppa Italia a Roma ha avuto un esito inaspettato: avere dimenticato alcune parole dell’inno di Mameli gli è costato feroci critiche da parte del web, come ad esempio da parte del leader della Lega, Matteo Salvini. Naturalmente nelle critiche non è mancato il riferimento anche al colore della sua pelle.

Ma a difendere Sylvestre ci hanno pensato i suoi colleghi cantanti e anche Jeremias Rodriguez, che ormai considera l’italoamericano uno dei suoi migliori amici ed Elodie che si è commossa pensando alla discriminazione razziale:

E voi cosa avete pensato di quello che è successo l’altra sera durante l’esibizione?

by emmaforever

Leggi anche...

Commenta anche tu questa discussione...

  1. albeazzurrail 19/06/2020 21:29

    ci sono stati altri cantanti italianissimi che hanno sbagliato o steccato l’inno in passato, perchè è vero Sergio ha sbagliato, e lo stadio vuoto senza il supporto anche del coro di voci dei tifosi ha amplificato l’errore, ma niente giustifica le critiche ha sfondo razziale che gli sono state rivolte, niente BRRR 

  2. gabryguil 19/06/2020 21:47

    È stato difeso anche da tanti altri volti noti tra cantanti ecc comunque mi dispiace molto per lui

  3. pacificil 19/06/2020 22:05

    A me dispiace molto per lui perché poi certi soggetti cercano solo pretesti per fare propaganda di un certo tipo … però oggettivamente un minimo in più poteva prepararsi ,si tratta di essere dei professionisti o no .

  4. leail 19/06/2020 22:16

     

    pacific: A me dispiace molto per lui perché poi certi soggetti cercano solo pretesti per fare propaganda di un certo tipo … però oggettivamente un minimo in più poteva prepararsi ,si tratta di essere dei professionisti o no .

     Anche chi lo ha messo lì per “esibirlo” ovvero sfoggiare il proprio antirazzismo non è stato migliore; è stato semplicemente strumentalizzato politicamente. 

  5. @CVDMil 19/06/2020 22:33

    Che Sergio debba migliorarsi sul fatto di cantare in determinati palchi è in dubbio ma l’emozione gli ha giocato un brutto scherzo. Non c’entra niente il colore della sua pelle e neanche il fatto che sia poco italiano perché non è così 

  6. barbara76il 20/06/2020 14:18

    Non è un problema di colore. Zero. È un.problema di professionalità. Lui sta bene in consolle dove puoi non sapere cosa dici

  7. CapaMoniqueil 20/06/2020 14:23

    Più che altro mi chiedo chi l’ha raccomandato? Perchè lui e non altri più famosi? THINKING 

  8. leail 20/06/2020 14:24

     

    CapaMonique: Più che altro mi chiedo chi l’ha raccomandato? Perchè lui e non altri più famosi?

     Perché è nero. Lo hanno usato come parafulmine. 

  9. oceanoil 20/06/2020 14:53

    Proprio perché ti hanno dato una chance meravigliosa doveva arrivare preparato. Poi buttarla in politica per mascherare l’aver dimenticato testo e alzare un pugno non è stata la mossa furba. Sapeva che buttandola sulla politica molti avrebbero visto in lui il suo colore e di conseguenza avrebbero distolto l’attenzione dsl suo errore accusando chi faceva notare il suo sbaglio. Professionalità, non c’entra niente la politica non c’entra niente il colore della pelle. Ma a molti fa comodo buttarla in politica. Coprire non fa onore a chi poteva cantarla meglio e senza sbagliare in testo. Almeno l’inno nazionale lasciatelo fuori dai commenti inutili.

  10. Eidosil 21/06/2020 17:34

    L’ipocrisia leghista, che neanche riconosce l’Italia come proprio Paese, né tantomeno gliene frega niente dell’inno di Mameli.

  11. effeil 22/06/2020 06:05

    Personalmente non mi sento offesa se uno statunitense sbaglia l’inno italiano (se non erro la nazionalità di Sergio è statunitense),certo poteva prepararsi meglio,ma comunque l’inno italiano è difficile da imparare per chi non ha una conoscenza semi perfetta dell’italiano. Mi sembra che tutta la questione derivata sia esagerata.

Lascia una risposta