‘Crisi Coronavirus’ Beatrice Valli sta per partorire. Dovrà fare tutto da sola o Marco Fantini potrà presenziare? E’ lei stessa a spiegarci come avverrà il suo parto

 

‘Crisi Coronavirus’ Beatrice Valli sta per partorire. Dovrà fare tutto da sola o Marco Fantini potrà presenziare? E’ lei stessa a spiegarci come avverrà il suo parto

Marco Fantini e Beatrice valli

La pandemia da Coronavirus ha ormai condizionato la vita di tutti noi ed associamo il pensiero dell’ospedale solo ai pazienti purtroppo affetti da Covid-19. Ma ci sono anche altri casi che continuano ad essere affrontati dall’ospedale come ad esempio le nascite dei bambini!  LOVE

E tra poche settimane anche l’ex corteggiatrice Beatrice Valli darà alla luce la sua terza figlia Azzurra! Ma come verrà affrontato il parto ai tempi del Coronavirus? Ci sono accorgimenti speciali per paura del contagio? Ecco cosa ci risponde l’influencer:

Dunque il compagno Marco Fantini potrà assistere ma con le limitazioni indicate e come lui sicuramente altri neo papà avranno seguito questo iter particolare!

È un momento molto difficile questo che stiamo vivendo e la coppia che aveva tanti progetti personali dovrà aspettare che finisca questa pandemia. Ma la vita continua e ora la cosa più importante per questi genitori è che vada tutto bene e possano abbracciare la loro piccola quando sarà il momento!!

Una nuova vita che si affaccia al mondo è sempre una gioia che dona speranza per il futuro , siete d’accordo?

by emmaforever

Leggi anche...

Commenta anche tu questa discussione...

  1. sanachangil 01/04/2020 09:13

    Veramente in quasi tutta italia i papà non assistono…

  2. CapaMoniqueil 01/04/2020 09:57

    Lei però dice altro…

  3. Boby123il 01/04/2020 11:57

    È vero una mia conoscente ha partorito la scorsa settimana, e al papà non è stato permesso di essere presente, non ha nemmeno visto il bambino (è un maschietto), glielo hanno fatto vedere il giorno dopo e solo per pochi minuti attraverso un vetro, poi stop l’ha rivisto casa. Quando ho letto l’articolo ho pensato che magari è una scelta che fanno gli ospedali e non per tutti uguale

Lascia una risposta