Intervista a Tommaso Zorzi che ci fa capire subito che al Grande Fratello Vip ce ne farà vedere delle belle: “Spesso mi arrabbio: forse amo un po’ litigare, sono uno che non vuole andare d’accordo con tutti. Credo che in tutte le edizioni del programma non ci sia mai stato uno come me”

Intervista a Tommaso Zorzi che ci fa capire subito che al Grande Fratello Vip ce ne farà vedere delle belle: “Spesso mi arrabbio: forse amo un po’ litigare, sono uno che non vuole andare d’accordo con tutti. Credo che in tutte le edizioni del programma non ci sia mai stato uno come me”

Tommaso Zorzi intervista

Sarà Tommaso Zorzi, figlio di ‘Riccanza‘ a divertirci ed esasperaci allo stesso tempo nella prossima edizione del Grande Fratello Vip che sta per partire? L’intervista su ‘Chi’ è esilarante, ci diverte e ci riempie di aspettative per un pieno di gossip, discussioni e risate.

Domanda. Tommaso, partiamo dalla sua infanzia tra Milano e il Regno Unito.

Risposta. «A 18 anni mi hanno spedito a studiare inglese prima in Scozia, poi in Inghilterra. Lì ho scopeno non il mondo, ma il mio mondo. A Londra ho frequentato la prima discoteca gay, il primo locale per scambisti, ho esplorato tutto quello che a Milano non potevo esplorare per via del pregiudizio di “paese”. Lì sono rinato e a 18 anni, contagiato dallo spirito e dalla forza di Londra, ho comunicato a mia madre Armanda di essere gay e l’ho fatto via mail».

D. E sua madre?

R. «Silenzio per tre giorni, poi mi videochiama su Skype e mi chiede: “Ma stai studiando?”. Non ne abbiamo mai più parlato. Io ero terrorizzato e lei, invece, ha vissuto la situazione con nonchalance. Una madre certe cose le sa. Col tempo che cosa mi avrebbe dovuto dire: “Metti il preservativo?”. Ma anche da etero me lo avrebbe detto. Il suo silenzio è stato pazzesco, di gran classe».

D. Lei oggi combatte peri diritti degli omosessuali.

R. «Io combatto per la verità, altri lo fanno per moda. Sono gay da quando avevo 14 anni: mi porto 11 anni di omosessualità sulle spalle. Ho la corazza. Se nella casa del Grandefratello Vip qualcuno dovesse chiamami “quel gay di Tommaso” ci rimarrei male solo per il messaggio che passa attraverso la televisione. Conosco molti giovani che hanno paura di fare coming out o di andare a scuola e subire il bullismo. Durante il lockdown alcuni ragazzi mi hanno scritto: “Sono felice di essere in quarantena così là fuori nessuno mi offende”».

D. Lei come si difende dagli odiatori del web?

R. «Spesso mi arrabbio: forse amo un po’ litigare, sono uno che non vuole andare d’accordo con tutti. Mi capita anche di sbagliare, ma non riesco a stare zitto quando mi parte la brocca. A volte ho sparato anche contro chi non dovevo: dopo due secondi mi pento, ma il secondo dopo mi auto convinco di avere ragione. Sono fatto così».

D. Perché va al Gf Vip?

R. «Credo che in tutte le edizioni del programma non ci sia mai stato uno come me. Io sono diverso dagli altri, ve ne accorgerete. Vivo tra il sacro e il profano di continuo. Cammino sulla linea dello show cadendo o vincendo. E sono vulcanico, un creatore di idee al secondo».

D. Conosce qualcuno degli altri concorrenti?

D. E lei, invece, a quale personaggio assomiglia?

R. «A Giovanna d’Arco: morta vergine. Da un anno cerco un fidanzato disperatamente. Adesso mi sono fermato. La mia astrologa di fiducia dice che vede un flirt. Magara… (magari, ndr). Lei parla di una frequentazione ambigua. Diciamo una sorta di coppia alla “Oneston” come venivano chiamati Luca Onestini e Raffaello Tonon, amici nella casa del GfVip ma vera, più bella, non fake. Il problema è che, ogni volta che mi fidanzo, dopo tre ore cerco l’uscita di emergenza».

D. Nella casa entra per vincere o per convincere?

R. «La seconda risposta. Il Gf Vip è una grande palestra televisiva per chi ama questo lavoro. Il compromesso giusto per crescere. Io ho solo una paura: devo contare fìno a dieci. Se mi partono i cinque minuti è una tragedia. Sono Ariete e, se mi toccano determinati tasti, so già che per me sarà la fìne (sorride, ndr)».

D. Sua madre che cosa ha detto della sua partecipazione?

R. «Mi ha chiesto prima di tutto che cosa fosse il GfVip. Lei vive fuori dal mondo e io la amo anche per questo, mi mancherà da morire. Sono felice di non avere come madre una che sogna di andare ospite da Federica Panicucci o da Barbara D’Urso. Insomma, non è la mamma di Luigi Favoloso per intenderci e per fortuna».

D. Che cosa dobbiamo aspettarci da lei al Gf Vip?

D. Durante l’intervista non ha mai parlato di suo padre.

R. «Argomento delicato per me. I miei genitori sono divorziati. Ho una sorella che adoro e mi mancherà da pazzi».

D. I suoi look sui social fanno tendenza, come si vestirà al GfVip?

R. «Sarà il mio Festival di Sanremo. Vi dico solo che, per le mie mise, ho messo al lavoro tre persone…».

Insomma sembra proprio che Tommaso ce ne farà vedere delle belle. Ma quindi dobbiamo aspettarci che non andrà ospite da Barbarella? Segna Barbara segna…

Seguiteci su Telegram cliccando qui

Leggi anche...

Commenta anche tu questa discussione...

  1. lun44il 05/09/2020 13:09

    POPCORNS POPCORNS POPCORNS

Lascia una risposta