‘Grande Fratello Vip’ Intervista ad Andrea Zenga: cos’è successo una volta fuori la casa con il padre Walter? E Rosalinda Cannavò sarà accettata in casa?

‘Grande Fratello Vip’ Intervista ad Andrea Zenga: cos’è successo una volta fuori la casa con il padre Walter? E Rosalinda Cannavò sarà accettata in casa?

Ne hanno parlato per settimane al Grande Fratello Vip, poteva il settimanale Chi farsi sfuggire una bella intervista alla famiglia di Andrea Zenga, fratello Nicolò e mamma Roberta Termali, una volta finito il reality? Eccoli quindi tutti e tre ai ‘microfoni’ dei collaboratori di Alfonso Signorini a riverlarci il nuovo rapporto con Walter Zenga e il pensiero sulla nuova fidanzata Rosalinda Cannavò.

D. Parliamo proprio di papa. Doveva chiamarlo appena uscito, invece…

Nicolo. «Invece c’é stato proprio un incontro con papà».

Andrea. «Perché é andata bene, meglio dell’incontro televisivo di sicuro. Riguardo all’incontro nella Casa, però, tengo a sottolineare che, nonostante mi abbia fatto soffrire, mi ha mostrato in che modo comunicare con lui».

D. In che senso, scusi?

Andrea. «Non conoscendolo, ti aspetti una persona che non é. Invece ho imparato da quell’incontro, anzi, meglio, ho visto come lui si pone. Lho capito un po’ di più, credo».

Nicolo. «ll fatto é che lui si è presentato, come dire, con la battuta in tasca. Tu lo vedi e pensi: “Ma cavolo, io ho bisogno d’altro”. Poi, conoscendolo meglio, capisci che forse lui si pone in quella maniera proprio perché vuole rompere il ghiaccio».

Roberta. «Bisogna imparare a parlare la stessa lingua. lo comunque sono oltre il settimo cielo, sono all’ottavo, credo. Ho visto le foto di loro tre, i sorrisi dei ragazzi, ovviamente anche di Walter… A cui voglio bene, gli sarò sempre grata di avermi dato questi due figli magnifici e sarò grata ad Andrea Accorroni di avermi dato Fabio e Francesco, vederli cosi é stata una gioia».

Andrea. «E chiaro che c’é tanta strada da fare, abbiamo posato un mattoncino nella costruzione di un rapporto: però partiamo da uomini, diventiamo amici e, poi, eventualmente padre-figli».

Roberta. «Credo che anche per Walter sia l’inizio di una grande avventura, perché ora ha davanti non solo i suoi figli, ma anche due uomini che sono intelligenti e garbati. E’ un bel viaggio».

Nicolo. «Posso aggiungere un’ultima cosa?».

D. Ma perché no, sta scorrendo il film di una vita, anzi di quattro vite.

Nicolo. «C’é stato un passaggio importante nell’incontro che abbiamo avuto. Ci siamo detti che se tutto quello che è successo, e che ha anche avuto una connotazione negativa all’inizio (ci sono state critiche, ci sono stati attacchi), é servito a mettere questo primo mattoncino, allora ne é comunque valsa la pena».

D. Fantastico, parliamo d’altro ora, anzi di “altra”: Rosalinda Cannavò. A dirla tutta, si é mostrata anche nella sua incoerenza. Voi che cosa ne pensate?

Roberta. «Rosalinda? Ma io la accolgo a braccia aperte».


Andrea. «Per quanto mi riguarda, mi baso su quello che ho visto e che ho conosciuto io nella Casa. Non mi faccio condizionare da quello che c’è stato prima, di cui, se vorrà, mi racconterà. Credo che ne abbia passate tante e che sia, anche per questo, una persona facilmente attaccabile. Non glielo voglio far pesare, voglio basarmi solo su quello che provo io e, certo, spero proprio di non sbagliarmi. Ammetto: sono un poco “cottarello’».

Roberta. «lo mi fido molto di Andrea e poi, chi di noi non ha mai sbagliato? Credo molto nelle seconde possibilità».

D. A proposito di possibilita, e lo chiedo anche a Nicolo, a voi piacerebbe continuare a lavorare in tv?

Andrea. «Il problema é che non so fare niente, non so cantare, non so ballare, non so presentare…».

D. Quindi é perfetto?

Andrea. «Infatti, sono nato per fare la tv. No, scherzo, però se viene fuori qualche proposta, certo che mi piacerebbe. Ma parliamoci chiaro, ho partecipato a due reality dove non é che ci vogliano proprio delle grandi qualità artistiche: in uno dovevo stare in un villaggio e nell’altro stare in una casa».

Nicolo. «Andare in tv è divertente, non nascondiamoci. lo, per altro, sono quello che nelle foto non si piace mai, ma quando mi sono rivisto, mi sono detto, be’, mica male».

Roberta. «Mi piacerebbe perché so che é il lavoro più bello del mondo, se però non devi contare su quello per mangiare a fine mese. Si, mi piacerebbe se avessero il loro lavoro e al contempo si divertissero come sanno fare, in maniera bella e pulita. Andrea é arrivato al cuore della gente: mentre lui era dentro, ho ricevuto centinaia di messaggi fantastici».

D. Immagino che la maggior parte arrivino da ragazze. Andrea é il bravo ragazzo ma con la tartaruga, insomma, un sex symbol 2.0. Come la gestiamo questa nuova veste?

Andrea. «Con imbarazzo: sono gia rosso così».

Nicolo. «Puoi sempre eliminare la tartaruga».

Andrea. «Pero fa piacere, dai, anche se resto il solito palo della luce. Accesa».

Seguiteci su Telegram cliccando qui

Seguiteci su twitter cliccando qui

Leggi anche...

Commenta anche tu questa discussione...

  1. monica11il 03/03/2021 19:06

    Che devo fare… Sono zengavo’ FACEPALM

  2. Olifil 03/03/2021 19:12

    Non capisco il perché ma mi è sempre stato simpatico.È talmente sempre fuori contesto da attirare su di sé l attenzione. Surreale tutto ciò…. (rofl)

  3. monica11il 03/03/2021 20:04

    Lo penso anche io…. Li seguiro’ (inlove)

Lascia un commento