Tiziano Ferro a cuore aperto racconta dei suoi passati problemi con l’alcool, con la bulimia e con il bullismo e di come è riuscito a uscirne fuori

 Tiziano Ferro a cuore aperto racconta dei suoi passati problemi con l’alcool, con la bulimia e con il bullismo e di come è riuscito a uscirne fuori

tiziano Ferro verità

Il 6 novembre  è una data importante per Tiziano Ferro infatti contemporaneamente uscirà  “Accetto Miracoli: l’esperienza degli altri”, primo album di cover e poi su Amazon Prime Video il docu-film “Ferro”. Qui il cantante si racconta senza filtri e tabù, mostrando tutte le sue fragilità.

In una lettera pubblicata sul magazine 7 del Corriere della Sera  in uscita domani, lui anticipa i contenuti di questo documentario dove tra le altre cose ha confessato;

“Ero un alcolista e volevo morire”

poi aggiunge:

“Una sera la band mi convinse a bere. E da lì non mi sono fermato più. Bevevo quasi sempre da solo, l’alcol mi dava la forza di non pensare al dolore e alla tristezza, ma mi portava a voler morire sempre più spesso. Ho perso occasioni e amici. Io ero un alcolista! L’alcolismo ti guarda appassire in solitudine, mentre sorridi di fronte a tutti”,

Poi parla di altri problemi:

Alcolista, bulimico, gay, depresso, famoso. Pure questo, famoso, mi sembrava un difetto, forse il peggiore”.

Poi ricorda i tempi passati :

“Non sono mai stato il primo della classe, ero anonimo, non bello, per niente atletico, anzi grasso, timido, i ragazzi mi chiamavano ciccione, femminuccia, sfigato. Aspettavo che qualcuno intervenisse per difendermi, ma non succedeva mai. Vivevo perennemente frustrato, incazzato e anche umiliato. Poi ho cantato per la prima volta e il mondo è cambiato. La musica era l’unica cosa che avevo, un canale per esprimermi in un mondo nel quale non mi riconoscevo”.

Il documentario ripercorre le tappe salienti della sua carriera e smonta definitivamente la sua immagine perfetta;

“Ho sempre pensato che dietro ogni storia di dolore si nascondessero il privilegio e il dovere morale di poter aiutare qualcun altro. La mia storia me lo insegna e ogni volta che ho consegnato alla gente le mie cicatrici, si sono sempre trasformate in soluzioni. Ferro per me è questo, un altro tassello alla luce dei miei 40 anni. Un po’ storia, un po’ diario, un po’ terapia, un po’ testamento. Di certo celebrazione di un sogno”.

Cosa ne pensate?

Seguiteci su Telegram cliccando qui

Leggi anche...

Lascia una risposta