‘Uomini e Donne’ Intervista a Beatrice Buonocore che esprime tutta la sua delusione per non essere stata scelta da Davide Donadei: “Io a lui ho detto tutto, ma a volte tutto non basta. L’ultimo abbraccio? Mi sentivo come un robot, spenta”.

‘Uomini e Donne’ Intervista a Beatrice Buonocore che esprime tutta la sua delusione per non essere stata scelta da Davide Donadei: “Io a lui ho detto tutto, ma a volte tutto non basta. L’ultimo abbraccio? Mi sentivo come un robot, spenta”.

Beatrice Buonocore come sta? E’ la domanda più ricorrente delle ultime settimane, da quando si è appreso che la scelta di Davide Donadei è stata Chiara Rabbi. La ragazza innamorata dell’ex tronista, è rimasta malissimo di non essere stata scelta e non l’ha nascosto. Ed ora come sta vivendo questa forte delusione? Ce lo racconta nell’intervista rilasciata al Magazine di Uomini e Donne (Forza piccola, tutto passa fidati).

Beatrice, come sta? 

«Sto bene, anche se sono abbastanza delusa e amareggiata. Forse mi sono illusa troppo. Quando si osservano le cose da fuori si ha modo di vedere i fatti con più lucidità, riuscendo a elaborare meglio tante sensazioni e tanti gesti, mentre dall’interno è più difficile. Questa esperienza è durata tanto tempo, l’ho vissuta appieno, ma dopo  aver visto l’epilogo non posso che prenderne atto e andare avanti. Ho vent’anni, ho tante opportunità: sicuramente questa resterà una grande batosta che ricorderò a lungo, ma è stata anche un insegnamento di vita. Probabilmente avrei dovuto aspettarmi di meno». 

Cosa intende? 

«Sarebbe stato meglio se avessi valutato e studiato ogni singolo gesto, sguardo o carezza fatta da Davide nei miei confronti; avrei dovuto prestare più attenzione alle differenze tra me e Chiara. Al contrario, mi sono sempre vissuta lui al cento per cento, guardando esclusivamente il mio percorso. Mi sono immersa troppo nella situazione senza capire cosa stesse vivendo con lei. A mente lucida, credo di aver perso una persona a cui ho dato tanto – tutto ciò che sono — e non ho perso nulla».

Davide, al centro dello studio, è apparso molto in difficoltà nel parlarle… 

«È stato molto confusionario. Non ho capito bene il suo discorso: ha iniziato dicendo che il suo percorso si sarebbe potuto chiamare il trono di Beatrice e Davide, per poi arrivare senza un filo logico a scegliere un’altra. Sicuramente era a disagio e dispiaciuto, perché non riusciva a dirmelo, ma avrebbe fatto prima a non girarci intorno. In fondo l’avevo capito, quando siamo entrati in studio per vedere i nostri momenti più belli, che non sarei stata io».

Si aspettava di non essere la scelta?

«A un certo punto ho iniziato a pensarlo: in parte lo facevo anche per tutelarmi, e non restarci troppo male nel caso in cui non fossi uscita dallo studio con lui. Per quello che sentivo, però, non me lo aspettavo. Ci sono state parole a cui io ho dato un peso, soprattutto perché sapevo che Davide me le stava dicendo pur conoscendo quanto io gli dessi importanza».

Cosa le è rimasto del vostro ultimo abbraccio? 

«Mi sentivo come un robot, spenta. In quell’istante tutto ciò che avevamo vissuto insieme si è distrutto come un castello di carta. È stato pesante, e sicuramente sarò stata molto fredda in quell’abbraccio: sentirgli dire che non sarei stata la sua scelta lo ha fatto diventare una delle tante delusioni che ho ricevuto nella vita. Davide mi ha fatto abbattere tanti muri, ma con quella frase si sono ricostruiti tutti e io mi sono chiusa». 

C’è qualcosa che avrebbe voluto dire a Davide, ma che non è riuscita a spiegargli? 

«No, io a lui ho detto tutto. Credo abbia capito ogni cosa di me, ma a volte tutto non basta. Se dall’altra parte ti trovi davanti qualcuno che ha una persona in testa, puoi fare qualunque cosa ma il risultato non cambia. Non ero io quella che voleva, e non si poteva cambiare. Penso solo che Davide avrebbe potuto chiudere prima il suo trono, sapendo quello che provavo. Sicuramente, al suo posto non avrei aspettato sei mesi per scegliere e non avrei illuso, anche solo involontariamente, una persona. L’amore lo senti: lo sai quando c’è, quando vuoi una persona te ne accorgi. E io lo sapevo. Questa è l’unica cosa che gli rimprovero, perché per il resto ha scelto ciò che per lui era più giusto».

Si è chiesta perché Davide abbia preferito Chiara? 

«Davide diceva che Chiara era molto più vicina a lui come stile di vita e come persona, quindi probabilmente per questo. lo sono una che si fa sentire, e ho fatto capire che per me in una relazione bisogna rigare dritto e che se una cosa non mi va bene lo faccio presente. Probabilmente ha a che fare con il mio carattere. Lui, quando è arrivata Chiara non ha capito più niente, mentre io ero una persona importante con cui si poteva confidare. Davide ha dato ragione a tutti i miei dubbi».

A oggi si pente di qualcosa? 

«No, non mi sono mai pentita di niente nella mia vita. Ho fatto vedere la vera me, con pregi e difetti. Ho lasciato che mi leggesse dentro: sapeva quando lo pensavo, quando stavo male e non gli ho mai nascosto nessuna delle mie reazioni. Rifarei tutto, perché sono fatta così e se lui non ha scelto me significa che non ero la persona giusta per lui».

Cosa le dice adesso il suo cuore?

«In realtà sto cercando di non ascoltarlo. Mi distraggo, trascorro il tempo con i miei affetti e con le persone che mi conoscono da tanto tempo e sanno tutto di me. Con loro i pensieri, le paure e le delusioni volano via. Mi ha fatto tanto piacere in questi giorni, e non solo, vedere che in molti mi seguono: sono stata invasa d’affetto da persone che, pur non conoscendomi, hanno capito come sono fatta ed è davvero bello. Ora l’obiettivo è quello di distrarmi e uscire il più possibile da casa. I miei genitori mi parlano solo di quello che è successo, quindi ho bisogno di evadere (ride, ndr). Se sto in camera finisco a guardare la parete dove prima c’era il quadro con Davide».

Che fine ha fatto quel quadro?

«Ora è in cantina. Quando sono tornata a casa, dopo la non scelta, ho chiamato una mia amica e le ho chiesto di venirmi ad aiutare a togliere Davide dalla mia camera (ride)».

Da dove riparte? 

«Da me. Mi sono messa da parte, forse un po’ troppo, per far capire delle cose a lui. Grazie a questa esperienza ho imparato tanto, anche a volermi un po’ più bene. Ora voglio ripartire dai miei sogni, dalle mie passioni, dai miei affetti. Riprendo la vita da dove l’avevo lasciata prima».

Ha visto la presentazione dei nuovi tronisti? 

«Sì, mi sembrano dei bravi ragazzi e auguro loro di vivere questa esperienza credendoci al cento per cento, mettendoci il cuore e poca testa, facendo venir fuori sia i loro pregi che i loro difetti. A loro va il mio in bocca al lupo!».

BEATRICE GENTILI 

Seguiteci su Telegram cliccando qui

Seguiteci su Facebook cliccando qui

Seguiteci su twitter cliccando qui

Seguiteci su instagram cliccando qui

Leggi anche...

Commenta anche tu questa discussione...

  1. sumi86il 12/02/2021 13:00

    Nonostante le tante lacrime versate e l’appellativo di piagnona trovo Beatrice molto matura e consapevole di sé in questa intervista

  2. CapaMoniqueil 12/02/2021 13:05

    Matura non è, ma è una brava ragazza che non ha grilli per la testa almeno per ora, per questo molto apprezzabile. Davide non l’ha scelta semplicemente perchè è veramente troppo piccola ancora di testa.

  3. NERIOil 12/02/2021 13:56

    concordo con Monica : tra le due, a me piaceva di più Beatrice ( anche fisicamente) …però qualcosa ho guardato di ued…e mi sono reso conto che veramente lei è ancora troppo piccolina …quindi la scelta di Davide, alla fine,  la condivido 

    come condivido quello che  detto Bea: neppure io ci ho capito molto del discorso di Davide…confusionario, impacciato,  goffo…e poi il fatto che abbia affermato di essersi convinto solo la mattina…mah! meglio se stava zitto, almeno in quello

    sul fatto che lui abbia pianto…per me piangeva  per la figura del cacchio che aveva fatto , non per la sofferenza che poteva dare a Bea 

  4. marahookil 12/02/2021 15:56

    Ritengo Beatrice non piccola ma con poca esperienza ancora ma dall’intervista la ho trovata matura rispetto all’immagine che è arrivata daU&D.Rispetto a Davide ritengo che una buona qualità sarebbe il saper tacere.

Lascia un commento