‘Uomini e Donne’ Intervista a Chiara Rabbi e Davide Donadei dopo un mese di amore: cos’è successo in queste settimane? Litigano? C’è tanta passione?

‘Uomini e Donne’ Intervista a Chiara Rabbi e Davide Donadei dopo un mese di amore: cos’è successo in queste settimane? Litigano? C’è tanta passione?

E’ già passato un mese dalla scelta di Davide Donadei e da allora lui e Chiara Rabbi non si sono staccati un attimo. Dal Lazio alla Puglia ma sempre insieme e soprattutto sempre più innamorati. Ecco l’intervista rilasciata al Magazine di Uomini e Donne dove descrivono la loro storia d’amore.

E passato un mese dall’inizio della vostra storia. Che sapore ha questo primo mesiversario?

Davide: «Sono state settimane intense: non ci siamo separati nemmeno un attimo. Procede alla grande e la nostra é una convivenza a tutti gli effetti».

Chiara: «Proprio qualche giorno fa mi sono fermata a ripensare al primo giorno che abbiamo passato insieme, dopo la scelta. Da quel momento a oggi faccio ancora fatica a credere che sia tutto reale: sento di avere al mio fianco una persona incredibilmente simile a me. Lo vedo vicino alla sua famiglia, o mentre si arrabbia e mi sembra di specchiarmi nei suoi occhi. Credo di aver trovato davvero la persona giusta e non perché voglia credere nelle favole».

Com’é stato trascorrere due settimane a Parabita?

D: «Vedere Chiara per la prima volta nel mio mondo é stato forte, soprattutto perché tante volte nei mesi precedenti avrei voluto portarla a scoprire la mia realtà, ma per le restrizioni non è stato possibile. Le ho fatto conoscere tutta la mia famiglia, e sono follemente innamorati di lei. Il primo giorno che siamo arrivati ci hanno organizzato una sorpresa, poi le ho mostrato il mio ristorante che, per me, rappresenta una seconda casa».

C: «Prima di partire avevo conosciuto la madre di Davide solo telefonicamente. Dentro di me non sapevo se sarei stata accolta davvero con gioia o se la loro preferenza, in realta, fosse un’altra. Quando ho visto il loro entusiasmo mi si é riempito il cuore di felicità. Mi sono sentita parte di loro, non ho avuto alcuna difficoltà a integrarmi, come se ci fossi sempre stata. Se Davide in futuro dovesse voler restare a Parabita, per come siamo stati insieme in quelle settimane da lui, non avrei problemi a trasferirmi. Lui lo Sa».

Come sono maturati i vostri sentimenti?

D: «Noi ci sentiamo una famiglia a tutti gli effetti. Le emozioni stanno crescendo e non abbiamo paura di confessarcele. Sento che tra di noi c’é un amore importante».

C: «Aumentano ogni giorno di più. Davide mi fa stare bene: mi sveglio tutte le mattine con le farfalle nello stomaco. Ho bisogno di lui. E’ un perfetto confidente, sa ascoltare e consigliarmi, ma é anche un fidanzato protettivo. Ci siamo raccontati tanto, e a fondo».

Tra voi é arrivata una new entry, Rocco. Come nasce l’idea di avere un cane?

D: «Ero innamorato da tanto tempo di questa razza e, quando si e presentata l’occasione, abbiamo pensato che sarebbe stato bello prenderci cura insieme di questo animale. E’ come un figlio per noi e fa parte della famiglia. Lo accudiamo, ci dividiamo i compiti e abbiamo scelto questo nome perché é tipico salentino».

C: «E’ stata una bella sorpresa! E’ il mio primo cane e, inizialmente, lo avrei voluto di taglia grande, ma poi abbiamo pensato che sarebbe stato troppo impegnativo, soprattutto in questo periodo in cui non siamo stabili e viaggiamo tanto. Da quando é arrivato Rocco ne sono follemente innamorata. Amo gli animali e, in futuro, mi piacerebbe adottarne uno al canile».

Quando vi capita di sognare, dove vi porta l’immaginazione?

D: «In una casa tutta nostra, fatta proprio come la vogliamo noi. Sarebbe il coronamento di ciò che stiamo costruendo, ma vogliamo ponderare le nostre decisioni prima di fare qualsiasi investimento».

C: «Ne parliamo spesso, e saremmo pronti per questo passo, ma vogliamo prima capire se la situazione intorno a noi cambierà, nella speranza che tutto migliori. Per adesso, quando siamo da me, viviamo in un piccolo rustico solo per noi, ma avendo la mia famiglia accanto non é come stare soli».

Come vi trovate in questo rustico?

D: «La famiglia di Chiara mi ha fatto sentire subito accolto. Mi ero accorto della loro ospitalità anche quando li avevo incontrati in esterna, ma ora che sono “il fidanzato” mi sento trattato come un figlio. Mi diverto tanto anche con suo fratello più piccolo, con cui giochiamo alla Playstation. I nostri genitori sono contenti perché ci vedono felici».

C: «Vederlo con loro mi emoziona. Mio fratello piú piccolo é impazzito per Davide, mentre con quello più grande abbiamo solo diciotto mesi di differenza, da quando sono fidanzata sta ritrovando un bel dialogo con me. Stima molto Davide e, dall’inizio del mio percorso nel programma, ha iniziato a interessarsi molto di più alla mia vita. Da questa piccola convivenza un po’ fuori dagli schemi, ho già capito che siamo in grado di collaborare perfettamente per l’ordine e la pulizia della casa. Anzi, devo ammettere che Davide é un perfetto uomo di casa: cucina sempre lui e non facciamo in tempo a finire di mangiare che é gia davanti al lavandino a lavare i piatti».

Chi é il più geloso tra i due?

D: «Chiara, non c’é dubbio! Vi racconto due aneddoti: quando eravamo a Lecce, stavamo facendo una passeggiata, finché non abbiamo incontrato due ragazze che mi hanno salutato in modo molto caloroso. Avendo rivolto il saluto solo a me, Chiara é intervenuta e ha detto con accento romano: “Guarda che ce sono pure io, me chiamo Chiara” (ride). Un’altra volta una ragazza mi ha contattato sul telefono, scrivendomi dei complimenti dopo aver trovato da qualche parte il mio numero. Per tutta risposta le é arrivato un audio di Chiara che le rispondeva che a parlarle era la fidanzata. Mi diverte molto stuzzicarla, é una gelosia sana che ci fa anche divertire».

C: «Ufficialmente sono io quella più gelosa, ma solo perché lui mi da modo di innervosirmi e gli piace provocarmi. In realta Davide lo é anche più di me».

Il vostro é un amore litigarello?

D: «A dir la verità abbiamo iniziato a discutere un po’, ma credo sia normale. Litighiamo per le piccolezze di tutti i giorni, dalle questioni di casa a piccole questioni di gelosia».

C: «Ogni tanto siamo un po’ nervosi per i ritmi che stiamo sostenendo, ma ritroviamo subito il nostro equilibrio. Appena litighiamo, facciamo subito la pace. La cosa più bella é che non esistono torti e ragioni».

A sentirvi parlare, sembra ci sia tanta passione…

D: «Ci siamo trovati molto a livello di chimica, già quando eravamo all’interno del programma. Nella vita di tutti i giorni siamo in perfetta sintonia, abbiamo gli stessi valori e le stesse prospettive. E’ nato immediatamente un grande coinvolgimento sia fisico che mentale. Siamo in perfetta sintonia anche nell’intimità».

C: «La parte piu bella di tutto questo é che ci divertiamo tanto. Non c’è occasione che ci lasciamo sfuggire per divertirci».

Cosa vi aspettate dai prossimi mesi?

D: «Spero di continuare su questa scia, perche stiamo vivendo qualcosa di magico e bello. Ho sempre dichiarato che, una volta uscito, avrei voluto iniziare qualcosa di importante e il mio sogno si é realizzato. Non vedo l’ora che tutto questo si concretizzi in un nostro appartamento. Sto cercando di investire tutto me stesso in questa relazione. Sono lontano dal mio lavoro, ma ho una squadra che collabora con me da anni, per la prima volta dopo tanto tempo, non voglio più che quella sia la mia unica priorità, ma concentrarmi su Chiara».

C: «Sono sicura che il rapporto tra di noi si andrà a consolidare. Non riesco a mettere in conto che qualcosa possa andare male, al massimo ci ritroveremo a fare qualche lite piú seria. Con una base economica piú solida, accanto a Davide sono pronta a sognare in grande».

Seguiteci su Telegram cliccando qui

Seguiteci su twitter cliccando qui

Leggi anche...

Lascia un commento