‘Temptation Island Vip’ Intervista a Gabriele Pippo e Silvia Turani: l’avvicinamento di Silvia al tentatore Valerio ha avuto degli strascichi nella loro relazione? Gabriele è stato perdonato per il suo comportamento irrispettoso? Cosa pensate delle loro risposte?

‘Temptation Island Vip’ Intervista a Gabriele Pippo e Silvia Turani: l’avvicinamento di Silvia al tentatore Valerio ha avuto degli strascichi nella loro relazione? Gabriele è stato perdonato per il suo comportamento irrispettoso? Cosa pensate delle loro risposte?

 

 

Gabriele Pippo e Silvia turani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il magazine di Uomini e Donne ci ha proposto un’intervista di coppia a Gabriele Pippo e Silvia Turani, reduci dalla loro partecipazione a Temptation Island Vip.

Sebbene all’inizio ci fossero state le avvisaglie di una possibile rottura imminente la coppia esce più unita che mai dal reality delle emozioni, vediamo cosa hanno raccontato al microfono di “Vanessa Collini”:

“D: Perché ha deciso di partecipare a Temptation Island Vip?”

“Silvia: Ho deciso di partecipare a Temptation Island Vip per avere delle conferme sulla mia relazione. lo e Gabriele ci conosciamo dal duemilatredici, perché ho fatto da modella per uno dei suoi videoclip, ma eravamo entrambi fidanzati. Dopo molti anni ci siamo reincontrati per un caffè e abbiamo instaurato un rapporto solido d’amicizia che poi è diventata amore. l primi tempi andava a gonfie vele poi abbiamo iniziato a litigare duramente e ad avere dei problemi. Per me Temptation Island le doveva essere un’esperienza risolutiva o conclusiva per la mia relazione.”

“Gabriele: Ho deciso di partecipare per riuscire a trovare una stabilità maggiore con la mia compagna, perché avevamo affrontato diverse incomprensioni che attraverso questa esperienza spero si siano risolte, nonostante le situazioni difficili che si sono presentate.”

“D: Cosa si aspettava dall’esperienza di Temptation Island Vip?”

“S: Mi aspottavo di uscire più forte di prima avendo risolto i nostri problemi, oppure che quest‘esperienza mi aiutasse a capire che la nostra storia non poteva essere risolta per via dei nostri contrasti caratteriali.”

“G: Mi aspettavo molto di meno rispetto a quello che ho guadagnato. In realtà esco conoscendo meglio me stesso, avendo chiara la mia scala di valori nonché gli errori che ho commesso nel corso del tempo e all’interno del villaggio. Nei momenti di rabbia mi sono lasciato andare a commenti e parole nei confronti di Silvia, frasi che potevo risparmiarmi. Non sono riuscito a gestire uno stato di stress, le ho dato dell’arrivista e materialista quando in realtà ha sempre lavorato. Da parte mia non ha ricevuto mai nulla di materiale, anche perché purtroppo non ne ho le possibilità. Ad oggi mi sarei risparmiato alcuni commenti. Sìlvia mi è stata vicina in momenti di difficoltà economica e anche in momenti brutti che ho superato grazie a lei.”

“D: Come si sente ora che è finito tutto?”

“S: Ora che è finito tutto, posso dire che quest’esperienza mi ha aiutata a capire che lui è la persona che voglio al mio fianco, grazie a questa esperienza ho capito che non devo privare Gabriele della sua personalità scherzosa ed esuberante, cosa che prima facevo. Dobbiamo ancora lavorare molto sui nostri caratteri, ma con l’ amore si risolve tutto. Vedo in Gabriele un miglioramento importante nel suo temperamento e nella gestione della rabbia.”

“G: Mi sento diverso, sono più stabile. E’ stato un viaggio personale, non solo prettamente legato alla storia con Silvia.”

“D: Qual é la cosa che ha visto che le ha duto più fastidio del comportamento del suo partner?”

“S: Sicuramente le parole forti offensive usate da Gabriele contro di me, pur conoscendomi da un anno e sapendo che ragazza sono. Gabriele sa benissimo che ho sempre lavorato e che non sono una persona materialista, anzi, a lui non chiedo mai niente. Aggiungo anche che quella di fare musica è stata una sua idea e che non sto con lui né per interessi economici né di notorietà, ma solamente per amore. Le sue sono state parole dette in momenti di ira, ma avrei gradito un po’ più di rispetto e self-control nei miei confronti. Il fatto che abbia detto “tu hai un bel c…” alla tentatrice mi ha dato davvero molto fastidio e anche espressioni come “vorrei che le ragazze mi twerkino in faccia” non mi sono affatto piaciute.”

“G: Ho visto una donna molto confusa che mi ha messo in difficoltà, come sicuramente io avrò messo in difficoltà lei, ma io sono così: Silvia ha visto cose che fanno parte di me. Anche se questa esperienza ha cambiato tutti e due.”

“D: Cosa ha imparato da questa esperienza?”

“S: Ho vissuto quest’esperienza senza dover fingere di assere diversa. Mi sono lasciata andare e questo mi è servito a capire che, nonostante io abbia instaurato un bellissimo rapporto con il single Valerio, nel mio cuore c’era o ci sarà sempre Gabriele.”

“G: Ho imparato che nella vita a volte bisogna fermarsi o ragionare sulle cose, che bisogna essere più maturi e non trarre conclusioni affrettate. Attraverso questa esperienza, che è stata sofferta, ho imparato come diventare la versione 2.0 di me stesso e ho capito che Silvia mi ama veramente.”

“D: Vedeva Temptation Island da telespettatore, che idea si era fatto?”

“S: Guardando Temptation Island sinceramente non mi capacitavo del comportamento di alcune coppie, ma oggi che l’ho provato sulla mio pelle, posso dire che é un’esperienza dura nella quale vivi come in una vita parallela. E un‘osperienza che ti porta comunque in ventuno giorni a legartì a una persona o a identificare qualcuno come “casa”, in quanto non hai le possibilità di comunicare con nessuno, non hai cellulare, TV, internet, radio… nulla. Sei solo con te stesso, per questo motivo, non potendo comunicare con il tuo partner, si generano parecchie incomprensioni. Nella mia vita non ho mai riflettuto tanto come durante questi ventuno giorni.”

“G: Da spettatore mi ero fatto un’idea diversa… Qui sei lontano dalla tua vita, non ci sono ammortizzatori, sei senza telefono e senza mezzi di comunicazione, non hai il contatto con la realtà quotidiana, al contempo sei costretto a socializzare con persone che non conosci e con le quali si crea un dialogo intenso in pochissimo tempo rispetto alla vita normale, questo non me lo aspettavo…come non mi aspettavo di vedere cose che mi hanno fatto montare la rabbia, ma che in realtà andavano contestualizzate, quindi la mia idea era ingiustificata.”

“D: Consiglierebbe questa esperienza ad una coppia di amici?”

“S: Mmmh…visto dall’esterno pensavo fosse molto più facile partecipare, francamente. Non vedendo il tuo partner per tre settimane non hai la possibilità di comunicargli i tuoi stati d’animo, i tuoi dubbi e tanto meno di spiegarti. Quindi molte circostanze vengono fraintese, come nel nostro caso. Non la consiglierei ad un’altra coppia (ride, ndr): noi ci siamo scannati, ma ci sono coppie che escono felici e unite. Per affrontare un’esperienza del genere occorre avere un’importante preparazione psicologica, cosa che noi non avevamo.”

“G: La consiglio nel momento in cui si é psicologicamente preparati, anche se pure in quel caso scattano meccanismi inaspettati. Non la consiglio a chiunque. Ma a chi è realmente intenzionato a. capire se una relazione sia valida mettendo in conto tutte le componenti che possono entrare in gioco».

“D: Come ė stata la vita vlllagglo?”

“S: Mi hanno accolto molto bene nel villaggio, ho avuto la fortuna di conoscere persone fantastiche. Ho conosciuto persone piene di valori, con storie importanti e vite difficili. Ho legato molto con le fidanzate, in particolare con Chiara e Delia, che erano le mie compagne di stanza.”

“G: Mi sono trovato bene. Ho legato con Alex in modo particolare e con tutte le single.”

“D: Anche con i single ha instaunto un legame…”

“S: Ho legato con tutti, ma soprattutto con Valerio, Mattia e David. Con Valerio ho trovato subito sintonia: é un ragazzo educato, bello e intelligente. Lo auguro a qualunque ragazza. Fisicamente all’inizio, sono sincera, provavo attrazione per lui e interesse nel conoscerlo, ma poi con il passare dei giorni mi mancava da matti Gabriele, così ho capito che nel mio cuore e nella mia testa poteva esserci solo lui. Ero debole quando sono entrata Iì dentro, abbiamo litigato anche durante lo sbarco, in aeroporto, stavo rischiando anche di perdere il volo. Tutto questo ha facilitato il mio legame con Valerio. Non ho avuto un atteggiamento rispettoso nei confronti di Gabriele e me ne scuso. Questa è stata un’ennesima prova d’amore per me, volevo capire e sono stata vera. Siamo tutti umani e sbagliamo, lo sbaglio più grande che stavo facendo era perdere la persona che amo. Invece il single David è stato il mio fisioterapista: è un grande massaggiatore (ride, ndr). Anche lui è un ragazzo fantastico, un vero amico. Con lui mi sono aperta molto.”

“G: Anche in questo caso é andato tutto in maniera diversa da come mi aspettavo. Con Veronica e Gaia ho condiviso momenti intensi, come con Antonietta. Le ho trovate intelligenti, in gamba, disposte ad ascoltare. Pensavo di trovare delle “galline” e invece ho trovato ragazze intelligenti e sennsibili.”

“D: Come esce da questa esperienza?”

Cosa pensate delle loro risposte?

Leggi anche...

Lascia una risposta