Addio a Roberto Galanti, lo scopritore di Eros Ramazzotti. Eros scrive su fb: “Ciao ‘babbo ti vorrò sempre bene'”

Senza titolo copia

E’ mancato ieri sera a Milano, all’età di 73 anni, Roberto Galanti, scopritore, mentore e per molti anni inseparabile consigliere di Eros Ramazzotti. Milanese di nascita, giornalista e discografico, Galanti  aveva lavorato per la Vertigo/Phonogram, era stato redattore e poi direttore della rivista di settore Musica e Dischi e nel 1979, insieme al barone Lando Lanni Della Quara, aveva dato vita all’etichetta indipendente DDD – La Drogueria di Drugolo. Con quest’ultima, nel 1981, mise sotto contratto Ramazzotti dopo la sua partecipazione al Festival di Castrocaro del 1981: per Eros, di lì in poi, Galanti divenne quasi un secondo padre, e tra i due nacque un rapporto strettissimo contraddistinto da alti e bassi: una prima separazione avvenne nel 1995, con Ramazzotti ormai diventato una star mondiale e affidatosi a un altro entourage, mentre un successivo ricongiungimento ebbe luogo nel 2002. Per divergenze artistiche e motivi di salute, il sodalizio con la società del cantautore romano, Radiorama, si sciolse definitivamente nel novembre del 2008, ma Galanti – che intanto aveva ripreso a dirigere riviste di settore (Trade Home Entertainment) e assunto incarichi anche per conto della Heinz di Antonello Venditti e delle organizzazioni di categoria AFI e FIMI – continuò a restare nel settore musicale occupandosi di distribuzione discografica (con la Deltadischi, accanto al figlio Mario).

Durante i suoi anni in DDD, Galanti rilanciò anche Mia Martini e lavorò con artisti come Enzo Jannacci, Fiorella Mannoia, Matia Bazar, Enzo Gragnaniello, Le Orme e Rondò Veneziano.

Il saluto di Eros da fb:

 

 

Leggi anche...

Lascia un commento